News

Spedizioni via mare: cosa cambia nella convenzione SOLAS 74

Dal 1 luglio 2016 sono entrati in vigore gli emendamenti alla Convenzione SOLAS 74 (Salvaguardia della vita in mare), in tema di spedizioni internazionali di container via mare, promossi dall'Organizzazione Marittima Internazionale (IMO). Per garantire maggiore sicurezza nel trasporto, viene ora richiesto allo Shipper (opportunamente identificato) di definire e gestire il Processo di pesatura per poter inviare container via mare.

CHI INTERESSA?
La normativa interessa lo Shipper, ovvero l’azienda che effettua le operazioni di carico delle merci nei contenitori e ne gestisce anche tutte le operazioni di preparazione all’imbarco (sia per gli aspetti documentali e doganali) nonchè l'adempimento finale, ora obbligatorio, della pesatura secondo la nuova procedura SOLAS con rilascio del certificato/rapporto ufficiale di pesatura (VGM).

Essendo varie le figure che potrebbero assumere questo ruolo, la definizione dello Shipper è tuttora in fase di chiarimento, in ogni caso si può considerare come l'azienda che per ultima ha il compito di pesare il contenitore prima della consegna alla compagnia armatoriale.

COSA E’ NECESSARIO FARE?
Lo Shipper (se dispone in proprio di una pesa idonea), oppure un operatore terzo formalmente incaricato, deve effettuare la pesatura del container prima dell’imbarco sulla nave e rilasciare il relativo certificato/rapporto ufficiale di pesatura (VGM).
Per chi ha adottato un Sistema di Gestione Aziendale certificato ISO 9001, questo fornitore, che deve disporre di una pesa idonea, dovrà essere qualificato come fornitore in outsourcing con relativo contratto scritto/capitolato di fornitura.

COME SI ATTESTA L’IDONEITA’ DELLA PESA?
Chi effettua le operazioni di pesatura e ne rilascia il relativo VGM, deve disporre di una pesa regolarmente calibrata e tenuta nella perfetta funzionalità. Normalmente le aziende certificate ISO 9001 dispongono già di una Procedura finalizzata a questo scopo. 
Vi sono due metodi di pesatura:
METODO 1: pesatura con strumenti regolamentari del container carico una volta chiuso e sigillato.
METODO 2: effettuare la somma del peso merce + peso imballo e materiale di rizzaggio all’interno del container + tara del container indicata sulla porta del container stesso. In questo caso lo Shipper deve disporre della certificazione ISO 9001 del proprio Sistema di Gestione Aziendale o di certificazione AEO. Deve altresì essere adottata un’apposita procedura documentata da sottoporre all'Organismo di Certificazione.

QUAL E’ IL PROCESSO DI PESATURA E LA SUA CERTIFICAZIONE?
Lo Shipper (opportunamente identificato) ha il compito di definire e gestire il Processo di pesatura. Allo scopo deve aver implementato nel proprio Sistema di Gestione Aziendale un’apposita Procedura in cui sono definite le modalità di effettuazione della pesatura secondo i 2 metodi indicati sopra.
Questa Procedura deve essere implementata nel proprio Sistema di Gestione Aziendale e, nel periodo transitorio fino al 01/01/17, posta sotto la sorveglianza del proprio Organismo di Certificazione. 
L’obbligo di adozione di documentate procedure riguarda solo il METODO 2.
Tuttavia si può intendere che l’azienda possa scegliere se descrivere nella stessa procedura anche le modalità di cui al METODO 1, nel caso dovesse utilizzarlo, adottando in tal modo un’unica procedura invece di due. Quest’ultima indicazione è da intendersi ai soli fini interni come “buona pratica gestionale” di tale modalità. 
Lo shipper che intenda pesare attraverso il metodo 2 dovrà dimostrare di possedere i requisiti di cui al punto 4 delle linee guida allegate al D.D., inviando copia, via pec (cgcp@pec.mit.gov.it), della certificazione e della visura camerale in corso di validità.
Per questa ragione potrebbe essere utile dare evidenza della suddetta estensione anche per dare maggiore confidenza della tenuta sotto controllo del processo di pesatura.
La stessa cosa vale per le aziende certificate AEO che sono anche certificate ISO 9001.
Per quelle che invece non dispongono della certificazione ISO 9001, per potersene avvalere, dovrebbero certificarsi anche in conformità con la suddetta norma.

Con l'occasione le aziende interessate hanno anche la possibilità di estendere il loro attuale oggetto del certificato ISO 9001 tramite un’apposita verifica di cui possono fare richiesta agli Uffici Regionali di Certiquality competenti per il loro territorio. 

Certiquality offre inoltre un corso di formazione sulle novità SOLAS e l'omologazione e la taratura degli strumenti utilizzati per la pesatura dal titolo: SOLAS E VGM: LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 LUGLIO 2016 E LE MODALITÀ DI GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI. (date da definire)